I buoni propositi muoiono a fine gennaio

Expat: buoni propositi e auto-efficacia

Siamo a fine gennaio e che fine hanno fatto i buoni propositi d’inizio anno? Rientrato dalle vacanze con tanta carica e buona volontà ti eri prefissato di impegnarti ad imparare meglio la lingua del paese in cui vivi, di metterti a dieta, di fare attività fisica regolarmente, di impegnarti in quel progetto che hai nel cassetto da anni e sai che è il momento giusto per realizzarlo….?

Un mese dopo a che punto sei? Com’è il tuo livello di motivazione?

Purtroppo accade spesso che, a distanza di tre / quattro settimane, la nostra energia inizi a calare e, nonostante le nostre migliori intenzioni, eventi inattesi e imprevisti ci distraggano dagli obiettivi che ci eravamo prefissati. La vita all’estero è piena di continue sfide, difficoltà e complicazioni da affrontare, per cui è facile essere distratti dai problemi del momento. Si ricade quindi rapidamente nelle vecchie abitudini, pronti a riformulare i buoni propositi alla prossima occasione, che coincide in genere con il rientro dalle vacanze estive!

Spesso durante le sessioni individuali con i miei clienti mi trovo a sfatare il mito del “cambiamento miracoloso”. Non esistono ricette segrete o bacchette magiche che ci consentano di mettere in atto i nostri buoni propositi. Ogni cambiamento è frutto di

  • disciplina
  • pazienza
  • fatica

Non puoi far altro che accettarlo. E ogni percorso è lento e irregolare, magari fai due passi avanti e uno indietro come i gamberi, hai l’impressione che nulla cambi e invece all’improvviso tutto si trasforma.

Come fare a restare focalizzati sui buoni propositi d’inizio anno e non lasciare che scemino con il tempo? La risposta sta nel coltivare la propria auto-efficacia. Lo psicologo Albert Bandura definisce l’auto-efficacia come

La convinzione di poter avere successo o di fallire in una prestazione.

A una bassa credenza di auto-efficacia corrispondono spesso comportamenti di evitamento, basse prestazioni o insuccesso, mentre la persona con alta auto-efficacia ha buone possibilità di ottenere risultati soddisfacenti.

Quali sono i 4 fattori che influenzano la nostra auto-efficacia?

    • L’esperienza del successo

      Tante piccole vittorie ripetute nel tempo incrementano il tuo senso di auto-efficacia e la tua perseveranza molto più di un grande successo da copertina. In questo senso è fondamentale definire dei micro-obiettivi quotidiani / settimanali / mensili e concentrare le tue energie su questi piuttosto che porti un grande obiettivo che ti dà l’impressione di dover scalare l’Everest d’un fiato e senza allenamento.

    • L’esperienza vicaria

      Con questo termine Bandura intende il fatto che osservare persone che svolgono con successo un determinato compito può aumentare di riflesso la tua auto-efficacia. Si tratta di scegliere dei modelli di riferimento concreti: persone che, partendo da presupposti simili ai tuoi, hanno realizzato obiettivi paragonabili a quelli che ti sei prefissato. Analizzare la loro strategie, le loro azioni concrete, provare a entrare in contatto con loro e, in generale, lasciarsi ispirare, può essere molto produttivo

    • La persuasione sociale

      In un mio precedente articolo, Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei, anche all’estero!, riprendevo il concetto di Jim Rohn secondo il quale “Tu sei la media delle 5 persone che frequenti di più“. Se vuoi migliorare la tua auto-efficacia impara a circondarti di persone positive, intraprendenti, che ti appoggino e ti stimolino ad essere la miglior versione di te stesso.

    • Gli stati fisiologici ed emotivi

      Un elevato grado di auto-efficacia si basa anche sulla capacità di mettersi nel giusto stato d’animo quando si tratta di affrontare le sfide. Essere stressati non aiuta il conseguimento degli obiettivi. In questo caso è fondamentale lavorare sul proprio dialogo interiore, per imparare a trasformare uno stato negativo in positivo. Per esempio, imparare a considerare lo stress come tensione creativa, perché è proprio grazie a quella tensione che riusciamo a dare il meglio di noi stessi.

    Leggi gli articoli relativi agli Expat e al mondo di InterculturalMente

    Le sedute di coaching possono essere tenute in lingua italiana, francese, spagnola, tedesca e inglese.
    Scrivi ad Erika Bezzo per qualunque informazione relativa ai servizi ChangeXperience